Notizie di danza in Italia e all’estero, per danzatori, insegnanti e appassionati

Category archive

Home

Addio Micha Van Hoecke grande anima della danza

Micha van Hoecke foto Rosellina Garbo

Dal Teatro Massimo di Palermo riceviamo e pubblichiamo queste testimonianze relative alla scomparsa di Micha van Hoecke, artista e coregrafo dalle straordinarie qualità professionali e umane. Addio Micha Van Hoecke grande anima della danza.

Continua a leggere

Per il Dap Festival a Pietrasanta vetrina di ospiti internazionali

Si è appena conclusa a Pietrasanta (Lu) la quinta edizione del Dap Festival, Danza in Arte a Pietrasanta, rassegna che ha concentrato in una manciata di giorni una vetrina di ospiti di rilievo internazionale.

Continua a leggere

Summer Dance Intensive 2021

Olga Evreinoff a lezione

Torna a Livorno dal 18 luglio al 6 agosto lo stage intensivo di danza promosso dall’A.E.D. Associazione Europea danza. Tre settimane di danza classica, contemporanea e laboratorio coreografico con grandi maestri provenienti da tutto il mondo.

Continua a leggere

Alla Biennale di Venezia i voli di Wayne Mc Gregor

Mkhail Baryshnikov e Jan Fabre

È una serie ininterrotta di voli d’aquila il “pensiero in azione” di Wayne McGregor, il coreografo inglese che, fresco del suo primo anno di direzione artistica della Biennale Danza, a Venezia, illumina e riempie il 15° Festival Internazionale di Danza Contemporanea (23 luglio-1 agosto).

con la complessità, l’ampiezza e la plastica “malleabilità” che sono propri dell’Arte e del suo talento, tanto visionario quanto informato, lucido e coraggioso nelle scelte realizzate, a fronte di una disciplina in continuo rinnovamento. Il calendario delle attività è talmente fitto ed espanso che è necessario consultare il sito www.labiennale.org, così che basta il primo appuntamento a qualificare il tutto: “Not Once”, in prima mondiale il 23, riunisce per la prima volta due artisti totali, Mikhail Baryshnikov e Jan Fabre, che hanno lavorato 4 anni per completare l’opera. “Installazione d’arte con film”, basato su un monologo scritto da Fabre e interpretato da Baryshnikov, “Not Once” svela, nelle undici stanze immaginarie di una mostra fotografica, il rapporto platonico tra il soggetto e una fotografa che, per anni, ne ha manipolato il corpo, rielaborato in diverse entità. Il lavoro multimediale, concepito per il cinema, esplora le relazioni tra un artista, il suo lavoro e la vita, il suo pubblico. In definitiva, l’equilibrio tra dare e ricevere, dipendenza e indipendenza.

Continua a leggere
1 2 3 6
Torna in CIMA